Tradizione della frittata con le cipolle

La Frittata con le cipolle rappresenta quel mix di semplicità e tradizione popolare che ci è stata tramandata nei decenni.
Fa parte in un certo senso di quella sfera di piatti cosiddetti “poveri”, che non si son persi col tempo e ancora oggi sono sempre presenti sulle nostre tavole.
Il “povero” ovviamente contraddistinge il costo e la facile reperibilità dei prodotti utilizzati, ma in quanto a sostanza, è di fatto è un piatto davvero corposo trovandosi a far convivere le cipolle e le uova.

Oggi è spesso considerata come secondo piatto nella cucina quotidiana, ma un tempo (c’è chi ancora la utilizza in tal senso) fu colazione per gli operai, dove per “colazione” nel linguaggio partenopeo/vesuviano non si intende solo quella del mattino, ma anche la cosiddetta “marenna” che le madri di famiglia o la salumeria di turno, preparano ai lavoratori che durante il pranzo sono fuori casa.
In tal caso dunque la frittata con le cipolle diventava un perfetto e confortante companatico da portare con se.

Prepararla è facile e veloce ma bisogna far attenzione ai dettagli altrimenti si perde quel gusto e quel colore unico che la contraddistingue.

frittata cipolla

Vediamo come procedere…

Ingredienti per una persona:

  • 2 uova
  • 150 gr di cipolla bianca
  • 15 gr di formaggio grattuggiato (preferibile parmigiano)
  • olio per friggere
  • sale e pepe

Dopo aver tagliuzzato la cipolla a la julienne, provando a renderla il più sottile possibile, farla rosolare in una padella con poco olio facendo attenzione a non bruciarla.

Da parte sbattete le uova insieme al formaggio, sale e pepe. Dopodichè aggiungeteci la cipolla cotta precedentemente e ponete il tutto in una padella con olio caldo.

Lasciate cuocere prima da un lato e poi dall’altro, facendo attenzione a non bruciarla.

Seguici anche su

facebook social
instagram social
twitter social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *