Pizza, vino e baccalà, il Wine and the City della pizzeria Trianon

Quest’anno anche la storica pizzeria Trianon sposa l’evento Wine and the City (vi ricordate quando ci siamo stati con Puok e Marianna Vitale?). In collaborazione con le Cantine Olivella, il 22 maggio darà vita ad una serata d’eccezione con pizza, vino e baccalà nella sede di via Pietro Colletta, nota per aver ospitato attori del calibro di Totò, Macario e Nino Taranto che amavano mangiare lì’ la pizza dopo le loro esibizioni all’omonimo teatro del quartiere Forcella.

trianon, wine and the city, pizza

A pochi giorni dall’inizio della fiera BaccalàRe sul lungomare di Napoli, ancora una volta il baccalà protagonista, il quale sta vivendo un vero e proprio risorgimento nella cucina napoletana.

Le ricette proposte saranno molteplici e l’azienda vinicola delle falde del Somma non sarà da meno, proponendo vini come la Katà Catalanesca IGP, il Lacrimabianco (Lacryma Christi bianco del Vesuvio DOP) e il Lacrimanero (Lacryma Christi rosso del Vesuvio DOP).

trianon, wine and the city, pizza

Aspetto storico e interessante dell’evento, sarà l’utilizzo del baccalà della famiglia De Filippo, che dal 1791 porta avanti il laboratotio di baccalajuoli nell’attuale sede di Arzano, nei pressi del ristorante BiancoBaccalà.

trianon, wine and the city, pizza

La serata al Trianon, di cui l‘inizio è programmato alle 19.30, sarà inaugurata con un aperitivo di baccalà e stuzzicherie, durante il quale i “contorni poetici” daranno vita alla tradizione della poesia classica napoletana, grazie all’intervento di artisti quali Cristiana Buccarelli, Carmen Percontra, Pasquale Rea, Giuseppe Vetromile, Angela Caterina e Vera Ceriello.

trianon, wine and the city, pizza

Un evento quindi da non perdere, in quanto oltre alle pietanze dell’antica tradizione che saranno sicuramente apprezzate, è anche un modo per “visitare” una delle più antiche e importanti pizzerie della città in un contesto altrettando storico quale è il quartiere Forcella.
Fu proprio lì che la stessa pizzeria diede vita alla cosiddetta “ruota di carretta”, cioè una pizza che col suo diametro di 35 cm riusciva a sfamare il popolo durante il periodo delle due guerre.

Fateci sapere se l’evento vi è piaciuto!


seguici anche su
facebook socialinstagram socialtwitter socialgoogle social

 

(immagini fornite nel comunicato stampa dell’evento)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *