La pullanghella – la pannocchia

Estate è sinonimo di mare, di passeggiate il tardo pomeriggio sul lungomare, del profumo del sole sulla pelle e…del profumo della pullanghella.

La pullanghella, propria del dialetto di Torre del Greco, sponza, in quello strettamente napoletano, è la spiga di mais, la pannocchia…insomma, chiamatela come volete, ma è troppo buona!

La pullanghella è uno street food campano, tipico appunto dell’estate, quando le strade si riempiono di venditori ambulanti che preparano questa prelibatezza!

pullanghella food napoli spiga

Nei vicoli di Napoli, per le strade dei paesini di provincia o sui lungomare potete trovare i venditori con il caratteristico pentolone gigante, per la pullanghella bollita, o con la brace per la pannocchia arrostita.

Per noi il must è uscire la sera, un bel giro sul lungomare con la brezza tipica delle sere d’estate e una bella pannocchia bollita da sgranocchiare tra le mani…

Ma se siete lontani dai nostri litorali e dai vicoletti di Napoli, ecco la ricetta di Taste of Vesuvio per preparare in casa un’ottima pannocchia bollita!

pullanghella food napoli spiga

La pullanghella – la pannocchia

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 pannocchie
  • acqua
  • sale

Procedimento:

Eliminare le foglie esterne delle pannocchie e lavarle bene. Immergerle in una pentola capiente e ricoprirle d’acqua. Farle cuocere per almeno 30 minuti (dipende da quanto sono tenere). Farle raffreddare leggermente, cospargere di sale e mangiare!

In alternativa potete cuocerle in pentola a pressione, riducendo così i tempi di cottura, ma riguardo il numero di pannocchie che potete cuocere contemporaneamente dipende dalla grandezza della pentola.

pullanghella food napoli spiga


seguici anche su
facebook socialinstagram socialtwitter socialgoogle social

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *