La pizza chiena, il rustico di Pasqua

Tra le tante specialità Pasquali della cucina vesuviana e partenopea, non possiamo non parlare della cosiddetta pizza chiena. La si trova anche durante l’anno in panetterie e pizzerie, al banco come street food, ma è nel venerdì di Pasqua che viene preparata per tradizione, per poi essere mangiata il sabato Santo.

Così come la zuppa di cozze, anche la pizza rustica ha origine nella cucina aristocratica dei Borbone, come si evince dagli scritti del cuoco di corte, nonché  letterato Vincenzo Corrado. Il quale ci descrive i banchetti che lui stesso preparava per i regnanti di Napoli e tra pasticci e sartù, inseriva anche questo preparato rustico. Un cenno a quella che è l’attuale pizza chiena lo troviamo nella Cucina teorico pratica di Ippolito Cavalcanti.

pizza chiena rustico pasqua napoli

Qui di seguito vi forniamo la nostra ricetta per prepararla a casa…

Ingredienti per la pasta:

  • 800 gr di farina
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 100 gr di burro o sugna
  • 1 cubetto di lievito
  • 450 ml di acqua tiepida
  • 2 cucchiaini di sale
  • Per il ripieno
  • 500 gr di ricotta
  • 5 uova
  • mezzo bicchiere di latte
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • un pizzico di pepe
  • 500 gr di salumi misti (salame, prosciutto, formaggio, mortadella)

Procedimento per l’impasto: preparate l’impasto disponendo la farina a fontana, ponete al centro tutti gli ingredienti, impastate il tutto e formate un panetto liscio e omogeneo. Lasciate lievitare fino al raddoppio del volume.

Procedimento per il ripieno: frullate la ricotta insieme alle uova, lo zucchero, il latte, il pepe ed in ultimo i salumi misti tagliati a pezzetti.

Dividete il panetto in due parti, e stendeteli in un disco di circa 4 mm di spessore. Riponete la prima parte in un ruoto e versate il ripieno. Ricoprite con l’ altro strato di pasta, bucherellate la superficie con una forchetta o un stuzzicadenti e spennellate con un uovo sbattuto.

Infornate a 180° C per circa 70 minuti.


seguici anche su
facebook socialinstagram socialtwitter socialgoogle social

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *