Eduardo e gli spaghetti alle vongole fujute

L’aspetto spesso più bello e interessante della gastronomia locale è il suo intrecciarsi col quotidiano, con gli eventi storici o con leggende tramandate da padre in figlio. Questo a Napoli e provincia accade spesso. Sono tantissimi i piatti partenopei conosciuti in tutto il mondo, che hanno un riscontro del genere. Tra questi c’è senz’altro quello degli Spaghetti alle vongole fujute.

In tal caso il riferimento è più che popolare, diventa proprio ad personam e la persona in questione è il grande Eduardo De Filippo.

Si racconta che i fratelli De Filippo (Eduardo, Titina e Peppino) erano soliti andare a mangiare qualcosa alla fine di ogni spettacolo, anche a tarda ora. Era diventata una sorta di tradizione, che si ripeteva ogni volta.

Nel periodo del dopoguerra capitò che una sera Eduardo fosse così stanco da voler tornare a casa, saltando il rito della cena post-spettacolo. Ma una volta fatto ingresso in casa, la fame prese il sopravvento e decise di cucinarsi un bel piatto di spaghetti con le vongole.

Purtroppo per lui non c’erano vongole in casa e dovette arrangiarsi con quello che aveva, cioè olio, aglio, pomodorini e prezzemolo.

Eduardo apprezzò così tanto il suo operato che il giorno seguente lo disse alla sorella, riferendo che, nonostante non ci fossero le vongole, aveva sentito in quel prezzemolo aggiunto alla fine, il sapore del mare.

Il piatto inventato al momento da Eduardo divenne noto a tutti col nome di spaghetti alle vongole fujute, dove per fujute si intende fuggite, assenti, perchè in pratica le vongole dovevano esserci e non c’erano.

Ora vi chiederete…è vabbè ma che ci vuole a preparare questi spaghetti?!? E invece non è così, perchè come direbbe lo stesso Eduardo, ogni ingrediente “ha la sua funzione e le varie operazioni vanno fatte nella giusta sequenza.

spaghetti alle vongole fujute napoli eduardo de filippo ricette

Perciò qui di seguito la ricetta di Taste of Vesuvio presa pari-pari da quella di Eduardo…

Ingredienti per 2 persone:

  • 320 g di spaghetti
  • 400 g di pomodorini
  • olio extravergine di oliva
  • aglio
  • prezzemolo
  • sale

Procedimento:

Mettere 4 cucchiai di olio extravergine di oliva in una padella con uno spicchio di aglio e farlo soffriggere. Aggiungere i pomodorini, lavati e tagliati a metà, aggiustare di sale e far cuocere per circa 15 minuti.

Cuocere la pasta. Appena la pasta sarà cotta, metterla nella padella con il sugo, amalgamare bene a fiamma bassa e mettere nei piatti. Infine aggiungere su ogni piatto un bel po’ di prezzemolo tritato.

Servire subito, con un po’ di peperoncino se piace.

Buon Appetito!


seguici anche su
facebook socialinstagram socialtwitter socialgoogle social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *