Apre “Acquerello” presso Le Pendici ad Ercolano

Immaginate un ristorante gourmet, legato ai prodotti e ai produttori locali, magari con stupenda vista sullo skyline vesuviano e poi immaginate che dal 30 maggio tutto ciò esista e sia situato alla galleria “Le Pendici” di Ercolano…

Perfetto, ora smettetela di sognare perché tutto ciò è realta! Una realtà che si chiama “Acquerello” e tutti i giorni a cena, tranne il lunedì, è guidata dallo chef Antonio Borrelli.
E’ lui il protagonista del posto, donandosi in cuore e maestria alla preparazione di piatti stagionali con ingredienti italiani ed in particolar modo campani.

acquerello ercolano

Acquerello è anche avanguardia, non c’è menù cartaceo ma è tutto gestito digitalmente. Ogni portata può essere degustata singolarmente o attraverso una degustazione, accostando a ciascuna un cocktail curto dal bar manager Elpidio Dell’Aversano o uno degli ottimi vini proposti.

Il concept alla base di Acquerello, così come ideato dalla famiglia Irollo, è qualcosa che tende a valorizzare il territorio e le sue eccellenze.
I fratelli Stefano e Luigi, insieme al loro papà, desiderano trasferire nel gusto tutto ciò che è cultura artigianale campana, puntando anche ad una proposta gastronomica di fascia alta.
Queste le loro parole: “La cucina e l’ospitalità hanno il ruolo fondamentale di promotrici del buon vivere e della coesione sociale, temi più che mai attuali per la ripresa del nostro Paese. Ci auguriamo che tra gli insegnamenti che possiamo trarre da questa delicata esperienza che stiamo vivendo ci sia anche un nuovo approccio all’alimentazione, più consapevole e rispettoso del territorio ed, in generale, della natura“. “Non dobbiamo pensare a quello che non si può fare e a quello che si è perso: dobbiamo concentrarci su quello che si può fare. Vogliamo restituire a chi si vorrà concedere una fuga culinaria in città il gusto e la gioia di vivere“.

Senz’altro un’ottima e interessante mission la loro!

Ogni piatto riesce a mettere insieme i sapori e gli elementi basilari del territorio, con una cottura innovativa che genera combinazioni sensazionali.

Ma cerchiamo di capire qualcosa in più sullo stile del locale.
Un luogo sicuramente contemporaneo nel genere, con elementi d’impatto e arredamento ricco di legni, cristalli, tessuti e quadri provenienti da tutta Italia.
Non manca ovviamente il rispetto dei protocolli vigenti per il post-lockdown. Dunque massima distanza tra i tavoli e un pop-up restaurant all’aperto con tavoli spaziosi, tutti rigorosamente “vista Vesuvio”.

A questo punto via abbiamo detto davvero tutto…l’unica cosa che manca è andare a vedere di persona e assaggiare queste bontà!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *