‘A pizza ‘e maccarun, ovvero la frittata di pasta napoletana

La frittata di pasta, o frittata di spaghetti o pizza di maccheroni o pastiera di pasta fritta, in qualsiasi modo voi vogliate chiamarla, è uno dei piatti di riciclo più noti della tradizione vesuviana e della tradizione napoletana.
La frittata di pasta nasce infatti come modo di utilizzare la pasta avanzata, di qualsiasi formato, e non condita, aggiungendo uova e formaggio e quello che c’è in frigo! Nel corso degli anni si è poi arricchita di ingredienti e da ricetta di riciclo è diventata uno dei piatti più tipici, preparati soprattutto per gite fuori porta o, in questo periodo, per portarla a mare, complice il fatto che è un piatto ottimo da mangiare freddo, facile da trasportare e agevole da mangiare anche con le mani!

Vediamo un po’ come si prepara la frittata di pasta nella cucina di ToV, così come ci hanno insegnato le nostre nonne, in genere noi utilizziamo gli spaghetti, ma potete lasciare spazio alla vostra fantasia.

Frittata di pasta

Ingredienti per 4 – 6 persone:

  • 400 g di pasta (spaghetti)
  • 5 uova
  • 200 gr di mozzarella o provola
  • sale
  • pepe
  • olio extravergine d’oliva
  • 50 gr di salame napoletano
  • 4 cucchiai di parmigiano
frittata di pasta

Procedimento:

Lessare la pasta in abbondante acqua salata bollente, scolarli quando sono un po’ al dente.

In una ciotola sbattere le uova, aggiungere il sale, il pepe e il parmigiano grattugiato. Mescolare il tutto e aggiungere la pasta scaldata in precedenza.

Tagliare la mozzarella a fettine, il salame a pezzetti.

In una padella far riscaldare l’olio, quando è caldo aggiungere la metà della pasta disponendola bene, in modo che ricopra tutto il fondo della padella e non ci siano spazi vuoti. Aggiungere la mozzarella e il salame e ricoprire con il resto della pasta. Far cuocere a fiamma media da un lato, girare la frittata (con l’aiuto di un piatto o di un coperchio) e far continuare la cottura dall’altra parte, fino a che quando non sarà ben dorata.

Appoggiarla poi la su un piatto con carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso.

Mangiare calda o fredda!

seguici anche su

facebook social
instagram social
twitter social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *